mercoledì 17 gennaio 2018

L'INTERVISTA DOPPIA-GIAPPA

L'INTERVISTA DOPPIA-GIAPPA

Giuseppe e Sabrina rispondono dal Giappone


Ragazzacci ma soprattutto ragazzacce, pazzi scocciati che leggete questo aborto di blog, parto di una notte insonne del sottoscritto dopo una cena a base di peperoni saggicce e ov (peperoni salsicce ed uovo, per chi non fosse avvezzo al dialetto abruzzese); spesso e volentieri mi chiedete molto sul vivere in Giappone, delle mie esperienze lì, del come, del quando, del perché...
I miei articoli generalmente parlano di questo e delle mie personali esperienze ma... cosa ne pensano gli altri italiani che vivono in Giappone?

Oggi vi presento Giuseppe e Sabrina, due ragazzi italiani (lui abruzzese e lei romana) che hanno abbandonato le sacre sponde italiche per trasferirsi in Giappone e cominciare una nuova vita, lasciandosi tutto e alle spalle e spalancando un portone di possibilità.
Due storie completamente diverse, con scenari differenti che però hanno permesso loro di vivere stabilmente in Giappone, di farsi una vita e soprattutto di trovare un buon lavoro, seppur in modi totalmente distinti.

Ecco a voi, ordunque, la prima (e forse unica) intervista doppia-giappa, fatta da me...
quindi fatta malissimo!


Giuseppe e Sabrina. Qui ritratti appena arrivati in Giappone.

Ciao, nome?
-Ciao! Mi chiamo Giuseppe, qui in Giappone soltanto “Peppe” per semplificarmi la vita...
-Sabrina

Età?
-Ho compiuto da poco 25 anni!
-33

In Giappone dal?
-Gennaio 2015, 3 anni esatti.
-2011 (ndr settembre)

Cosa ti ha avvicinato al mondo "Giappone" e perché proprio gli anime? 😏
-Sono convinto che a portarmi dove mi trovo adesso sia stata la ricerca della risposta a questa domanda. Devo ammettere di essere ancora molto confuso, da colpirmi da solo.
-Sicuramente la cultura che mi ha affascinato durante il mio primo viaggio a Tokyo. Niente manga o anime, se non i vecchi cartoni anni 80.

Com'è stato il primo impatto?
-Quello di un laureando in lingue orientali che dopo aver scalato il piedistallo per anni ed esser giunto all’obelisco di Balzar, si rende conto che il palazzo del Supremo è ancora molto in alto.
-Mi ha colpito il silenzio, la pulizia e l’ordine di Tokyo

Cosa ti piace di più del vivere qui?
-La sensazione che impegnandosi e migliorandosi gli obiettivi possono essere raggiunti.
-Ognuno si fa essenzialmente gli affari propri

Cosa ti piace meno?
-Le dodici ore di volo aereo che mi separano dall’Italia.
-La mancanza di contatto umano

Come si mangia?
-Piadina Akasaka! A soli 5 minuti a piedi dall’ uscita 1 della stazione metro di Akasaka a Tokyo, chiusa soltanto di Domenica! L’amico Mino è gentile e parla benissimo anche italiano!
-Benissimo!

Le ragazze sono davvero così carine come molti credono?
-Devo ammettere che non sono davvero così carine come pochi credono.
-Mah ci sono quelle carine ma come ce ne sono in Italia con la differenza che qua sono tutte piatte come tavole!

I ragazzi sono davvero così dolci e protettivi come si vede negli anime e nei dorama?
-Sono sicuramente molto dolci e protettivi con le ragazze che vedono negli anime e nei dorama!
-Ovviamente dipende dalle persone, ma sarà che a me i rammolliti da anime e drama non sono mai piaciuti

È vero che è più facile rimorchiare per gli stranieri?
-Mi permetto di allegare il link ad un breve articolo estremamente esplicativo su questo argomento:
www.therisingwasabi.com/sex-god-arrives-in-japan-doesnt-even/
-Per gli uomini stranieri sì, solo le donne giapponesi che devono sfoggiare il bellimbusto straniero. Non vale molto al contrario

È vero che i giappi ce l'hanno piccolo?
-Strano, ero sicuro di aver visto una domanda qui... passerò alla prossima!
-No comment

Sabrina vicino ad una zucca gigante con i punti neri,
 probabilmente residuo delle radiazioni di Fukushima

Hai avuto storie o relazioni con ragazzi/e giapponesi?
-はい!(ndr Sì)
-Qualcuna

È vero che la cultura è molto maschilista?
-Renho Murata è un segnale positivo verso il cambiamento! ...vero? (ndr Renhō è stata la prima donna a guidare uno dei maggiori partiti giapponesi nel 2016)
-Non nel mio caso però so di ragazze straniere con mariti giapponesi che ne risentono da quel punto di vista

...e razzista?
-Sarete stranieri dal primo all’ultimo giorno che passerete in Giappone!
-Non è detto, diciamo che sono diffidenti con gli stranieri a volte

I treni sono davvero così puntuali?
-È una cattiva abitudine che dovrete dimenticare quando tornerete in Italia...
-Direi di sì soprattutto paragonati a quelli italiani

Quanto è importante conoscere la lingua giapponese per vivere lì?
-Personalmente credo sia imprescindibile se si vuole vivere in Giappone, sebbene non sia indispensabile per certi tipi di lavoro.
-Molto! Non puoi vivere a pieno la cultura ed essere totalmente accettato se non dimostri di voler imparare la lingua 

...e l'inglese?
-Se vorrete socializzare con persone di nazionalità diversa da quella giapponese, direi che è proprio necessario!
-L’inglese è comodo ma se vai in Giappone devi essere disposto ad imparare il giapponese

È facile trovare lavoro in Giappone?
-Può sembrare molto difficile ma tra tutte le persone che ho conosciuto, quelle che veramente volevano rimanere, alla fine un modo per restare l’hanno trovato.
-Part time sì, full time con tanto di visto lavorativo non facilissimo ma possibile

Tu che lavoro fai?
-Per adesso il modello.
-Lavoro in un’agenzia di studio all’estero e mi occupo del lato marketing 

Come hai trovato il tuo lavoro?
-Ho incontrato un editore di una rivista di moda davanti la statua di Hachiko a Shibuya, ero arrivato da poche ore in Giappone, ed abbiamo iniziato una collaborazione mensile. È stata la prima di una lunga serie di opportunità che non mi sono lasciato scappare.
-Sono arrivata in Giappone per studiare giapponese tramite questa agenzia e il mio attuale datore di lavoro mi contattò per lavorare nella sua azienda.

Raccontaci la cosa più strana che ti è capitata lavorando in Giappone
-Gridare “Kamehameha” e “Makankosappo” davanti ad una telecamera in una piccola stanzetta buia mentre due serissimi produttori di videogiochi giapponesi giudicavano la mia performance.
-Non mi viene in mente nulla di strano. È il fatto stesso di lavorare con i giapponesi che è diverso dal nostro modo di lavorare 


Hai fatto altri lavori in Giappone?
-Ho lavorato per un breve periodo al ristorante di Armani a Ginza, accoglievo i clienti e li accompagnavo a tavola.
-Molti altri

È vero che in Giappone gli orari di lavoro sono estenuanti?
-La concezione che abbiamo noi italiani di lavoro è molto diversa da quella che hanno i giapponesi.
-Generalmente sì 

... e che bisogna avere un profondo e, delle volte, insensato rispetto per i superiori?
-Il profondo rispetto per il prossimo è quello che rende la società giapponese solida e vivibile a mio parere.
-Sì 

È vero che si possono prendere poche ferie?
-Non sono molto informato a riguardo, ma non credo di aver mai sentito parlare di questo tipo di problema qui!
-Solo 10 giorni all’anno per l’esattezza 

Si guadagna bene?
-Gli stipendi sono mediamente più alti di quelli italiani senza dubbio.
-3 volte più dell’Italia 

In rapporto all'Italia com'è il costo della vita?
-Qui a Tokyo costa tutto molto di più che altrove, fatta eccezione per manga e videogiochi! Evviva!
-Dipende dalle città ma non particolarmente più costoso 

Come sono gli italiani che vivono in Giappone?
-Ho conosciuto persone molto gentili ed interessanti che mi hanno sempre aiutato, direttamente ed indirettamente.
-Molti sono uomini in cerca di visto matrimoniale facile

Molti dicono che gli italiani in Giappone non sono solidali con i connazionali che vogliono trasferirsi lì. Vero o falso?
-Falso!
-Vero 

Alcune pubblicità di Giuseppe in giro per la città

Ti manca la tua famiglia?
-È il sacrificio principale che dovrà fare chiunque decida di trasferirsi cosi lontano da casa.
-Un po’ certo 

È vero che i giappi sono molto formali ed un po' freddi?
-Quando sono sobri.
-Sì ma è il bello della loro cultura 

È difficile conoscere nuove persone?
-Al contrario, è facile incontrare persone da ogni parte del mondo qui!
-Conoscerle no, mantenere le amicizie sì 

Cosa hai trovato qui che l'Italia non offre?
-Possibilità.
-Lavoro, indipendenza economica, rispetto delle regole, contratto di lavoro regolare

Quanto vorresti rimanere in Giappone?
-Fino a quando le mie possibilità saranno esaurite!
-Non so

Pensi mai di mollare tutto e tornare in Italia?
-Mi piacerebbe che il mio paese mi mettesse in condizione di poter un giorno fare una scelta del genere!
-È capitato ma non sono mica scema 

Cosa consiglieresti a chi vuole provare un'esperienza di vita in Giappone?
-Ci saranno moltissime occasioni in cui vorrete tirarvi indietro per timore o inadeguatezza. Non fatelo mai!
-Di farla che sia per breve o lungo tempo perché si cresce tanto e cambia sicuramente la vita e la visione delle cose 

Saluta i nostri lettori in giapponese
-チャオ!!!
-皆さん、ここまで読んでくれてありがとうございました。


Ringraziamo ancora Giuseppe e Sabrina che si sono prestati a questo mio capriccio: ciao grandi, ci vediamo presto per offrirvi una bevuta, ve la devo!
Per tutti voi altri, sapete cosa fare: come al solito, condividete, "piacete", mettete pollicioni 👍, schiacciate pulsanti a caso e fate tanto casino come piace a noi! Aiutate questo circo a sopravvivere.