lunedì 26 febbraio 2018

ANOTHER (by Xaldin03)



ANOTHER


Abbiamo parlato di Higurashi e di Shiki precedentemente, adesso è il turno di quello che ritengo essere il miglior consiglio che un appassionato di anime possa fare ad uno di film d’orrore: Another.
Questo titolo potremmo facilmente considerarlo un horror con L”H” maiuscola, in quanto cattura con incredibile perizia tutti gli elementi caratteristici dell’horror inteso come genere che copre differenti media, non sfruttando soltanto elementi di stampo nipponico.


Another incolla lo spettatore con una serie incalzante e continua di avvenimenti che coinvolgono i protagonisti afflitti da una paura che si trasmette aldilà dello schermo; non tramite l’immancabile uso di splatter (infatti le scene violente sono limitate all'essenziale) bensì alla presenza di un’atmosfera soffocante d’inesorabilità.
La brillante regia sfrutta ogni possibile mezzo, lo stile del disegno e il character design, le ambientazioni, le inquadrature, la fotografia, le musiche e i suoni, che sfiorano la perfezione, tenendo sospeso lo spettatore in un limbo di angoscia e tensione.


L’atmosfera cupa e piena di mistero che si respira nelle strade di Yomiyama e nella scuola sembrano quasi tangibili.
Infatti è la città di Yomiyama  che fa da sfondo alla storia, dapprima con un prologo nel 1972 dove uno studente liceale del terzo anno di nome Misaki perde la vita in un incidente, per poi  spostarsi nel 1998 vero inizio della vicenda.
Da qui seguiremo il cagionevole, almeno come viene inizialmente presentato , protagonista Kouichi Sakakibara, appena trasferitosi nella casa dei nonni, che ci condurrà nello sviluppo dei 12 episodi di questo adattamento della light novel scritta da Yukito Ayatsuki e realizzati nel 2012.
In conclusione, questa è la terza serie anime horror che recensisco, potreste immaginare che io ne sia assuefatto in ogni media, ma devo dire che riesco ad apprezzarlo specialmente  nelle opere videoludiche e nei cartoni giapponesi.
E non potrei perdere l’occasione di valorizzare una gemma d’anime come Another  che davvero spicca tra gli altri titoli provenienti dal paese del  Sol levante.
Piccola menzione, esiste anche un extra chiamato episodio 0 (zero) che deve essere visionato soltanto al termine della serie.

VOTO: 8


Xaldin03